Crossing over

  • Genere: Drammatico
  • Regia: Wayne Kramer
  • Interpreti: Harrison Ford, Ray Liotta, Ashley Judd, Jim Sturgess, Cliff Curtis, Merik Tadros, Alice Braga, Alice Eve, Justin Chon, Melody Khazae, Summer Bishil, Jaysha Patel, Marshall Manesh, Tim Chiou, West Liang, Josh Gad
  • Origine: USA (2008)
  • Durata: 140’

Crossing Over racconta dei sogni, delle speranze, delle difficoltà e dei drammi dei tantissimi immigrati che giungono ogni giorno a Los Angeles e lottano per riuscire ad ottenere un qualche documento che ne regolarizzi la presenza sul suolo statunitense. Nel film, basato su diverse storie incrociate, si parla della frontiera, di documenti fasulli, di green card, richieste di asilo politico, sfruttamento del lavoro, paura del terrorismo e scontro tra culture.

Annunci

Cuore Sacro

  • Genere: Drammatico
  • Regia: Ferzan Ozpetek
  • Interpreti: Barbara Bobulova, Andrea Di Stefano, Lisa Gastoni, Caterina Vertova, Massimo Poggio
  • Origine: Italia (2005)
  • Durata: 120’

Irene Ravelli ha ereditato dal padre, noto imprenditore immobiliare, non solo le sue aziende, ma anche il talento negli affari. Ottenuto il dissequestro dell’antico Palazzetto di famiglia su cui lei vorrebbe speculare, Irene scopre che la stanza della madre Adriana, morta in circostanze misteriose quando lei era ancora piccola, è rimasto dopo 30 anni intatto come se la donna ci abitasse ancora. Il fantasma rimosso della madre e l’incontro con Benny, una bambina imprevedibile e sorprendente, generano in Irene un conflitto che è alla base di un grande cambiamento.

La mia ricompensa

De Toni Alessandra _ Via Scalabrini 3  Mi chiamo Alessandra, 34 anni (ben portati) e tanta strada nelle scarpe.

Cercherò di raccontarvi chi sono, anche se per me non è facile mettere tutto nero su bianco. Colgo però quest’occasione per ritornare indietro con la memoria e ripensare un po’ al mio cammino…

Veneziana di nascita e padovana d’adozione, cresco nel tipico paesetto della provincia veneta, dove da un certo punto di vista si sta anche bene: zero pericoli, gli amici lì intorno, a scuola in bici, la mamma ti aspetta a casa. Un’adolescenza che passa abbastanza tranquilla, tra poche ma irremovibili certezze, e nonostante una grande tragedia: mio papà si ammala e se ne va. Per sempre. Io, però, ho una madre incredibile, e solo grazie a lei vado avanti, perché non è mai facile, ma a 15 anni è proprio difficile.

Gli anni del liceo, una scuola rinomata del centro città, l’importante diventa “apparire in un certo modo”: vestiti, scarpe, borse, uscite solo in “certi posti”, solo con “certe persone”. Non importa ciò che hai da dire, non conta se tua testa sia vuota o meno, conta che la tua borsa sia griffata, preferibilmente coordinata con le scarpe.

E nel 2000, insieme al Continua a leggere “La mia ricompensa”