Io sono perché noi siamo

5

“Ubuntu” Io sono perché noi siamo, un proverbio zulu “Ngumuntu”, “Ngamuntu”, che significa “io sono ciò che sono in virtù di ciò che tutti noi siamo”. Io sono perché noi siamo, è un detto che elimina i pregiudizi dal punto di vista umano. Questo proverbio porta con sé il significato dell’uguaglianza degli uomini indipendentemente dal loro livello sociale. Dunque ogni persona, “Ngamuntu” in swahili, “Ubuntu” in lingua Zulu, deve essere guardata così com’è senza giudicarla. Questo è il significato di “Ubuntu”.

4

Nel “ghetto” di Rignano e nella “pista” ho incontrato persone, ognuna con la propria storia, le proprie difficoltà, i propri sogni e le proprie speranze. Ho incontrato persone senza una casa, senza cibo, senz’acqua; persone che percorrono ogni giorno chilometri e chilometri in bicicletta per cercare un lavoro; persone col viso pieno di lacrime e famiglie che hanno perso il sorriso. I saggi dicono che nella vita non bisogna mai dire mai, perché la speranza non muore mai. La parola “Ubuntu” significa: io sono ciò che sono per merito di ciò che siamo tutti insieme. Il concetto di “Ubuntu” è applicato all’antropocentrismo, cioè mette “Antropos” al centro. È una filosofia di vita alla base delle società africane, ma rivolta a tutta l’umanità, che consiste nel rispetto, nella condivisione, nella fiducia, nell’altruismo, nella collaborazione e nell’amicizia che noi applichiamo nella vita di tutti i giorni. Questo ci permette di entrare in comunione con l’uomo, di creare armonia nelle relazioni con gli altri.

1

Una persona “Ubuntu” è aperta, disponibile verso gli altri, solidale e sa di appartenere ad un tutto più grande. Quando si parla di “Ubuntu” si intende un senso più forte di unità nei rapporti sociali, per essere disponibili a incontrare le differenze dell’altro e arricchire la nostra umanità, perché “Io sono perché noi siamo”. Per Aristotele l’uomo è per natura un essere sociale, il cui bene individuale coincide col bene collettivo. Per questo l’uomo ha rispetto per gli altri esseri viventi, distingue il bene dal male, la giustizia dall’ingiustizia. Dio ha creato ogni uomo libero, gli ha dato la possibilità di scegliere se vivere in libertà o schiavitù, nella giustizia o nell’ingiustizia, nella felicità o nella paura. Questa libertà di scelta è il libero arbitrio: nessuno può trasformarti in uno schiavo se non sei tu a permetterglielo, nessuno può farti paura se non sei tu a permetterglielo, nessuno può farti fare qualcosa di sbagliato se non sei tu a permetterglielo.

2

La filosofia “Ubuntu”, la filosofia aristotelica e la teologia indicano la stessa via, che sappiamo bene, non essere la via scelta da tutti. Ma noi con “Io Ci Sto fra i migranti” abbiamo fatto nostra questa strada, insegnando l’italiano ai migranti, donando un sorriso ai bambini del ghetto, lavorando nella ciclo-officina.

di Emmanuel Tholosi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.