La Lingua: mezzo fondamentale per l’integrazione

Via-Scalabrini-3-Sarah-5

Ciao! Mi presento: sono Sarah, ho 24 anni, studio Lingue e letterature straniere all’Università Statale di Milano, nello specifico Inglese e Francese.

Mia madre è italiana e mio padre è egiziano, conosco quindi anche un po’ di Arabo. Continua a leggere “La Lingua: mezzo fondamentale per l’integrazione”

Annunci

dipiù – per capire meglio le migrazioni

dipiu-Via-Scalabrini-3

Hai dai 18 ai 35 anni? Hai fatto delle esperienze di servizio con i migranti? Hai partecipato al Campo Io Ci Sto? Hai frequentato CreAzione? Hai fatto volontariato internazionale? Hai voglia di incontro, scambio e condivisione?

Via Scalabrini 3 con ASCS Onlus, Parrocchia Santa Maria del Carmine, Casa Scalabrini 634, Io Ci Sto e giovani di Chieri promuove dipiù – per capire meglio le migrazioni: un percorso di approfondimento sulle migrazioni attuali attraverso persone, territori e proposte che accolgono e valorizzano le diversità culturali.

  • Chieri: 11 e 12 novembre 2017 presso Oratorio (Piazza Duomo, 1)
  • Roma: 03 e 04 febbraio 2018 presso Casa Scalabrini 634 (Via Casilina, 634)
  • Milano: 21 e 22 aprile 2018 presso ASCS Onlus (Piazza del Carmine, 2)
  • Bassano: 16 e 17 giugno 2018 presso Via Scalabrini 3 (Viale Scalabrini, 3)

– Da portare: taccuino, sacco a pelo o le lenzuola e gli asciugamani.

– L’incontro inizierà il con il pranzo del Sabato alle ore 13:00 e si concluderà la Domenica alle ore 14:30.

– Iscrizioni, vitto, alloggio e sussidi: € 20,00

– Per partecipare al percorso non è vincolante aderire a tutti i weekend.​

Per iscriverti riempi il modulo

Io sto con la sposa

  • Genere: Documentario
  • Regia: Antonio Augugliaro, Gabriele Del Grande, Khaled Soliman Al Nassiry
  • Interpreti: Tasneem Fared, Abdallah Sallam
  • Origine: Italia, Palestina (2014)
  • Durata: 98’

Un poeta palestinese siriano e un giornalista italiano incontrano a Milano cinque palestinesi e siriani sbarcati a Lampedusa in fuga dalla guerra, e decidono di aiutarli a proseguire il loro viaggio clandestino verso la Svezia. Per evitare di essere arrestati come contrabbandieri però, decidono di mettere in scena un finto matrimonio coinvolgendo un’amica palestinese che si travestirà da sposa, e una decina di amici italiani e siriani che si travestiranno da invitati. Così mascherati, attraverseranno mezza Europa, in un viaggio di quattro giorni e tremila chilometri. Un viaggio carico di emozioni che oltre a raccontare le storie e i sogni dei cinque palestinesi e siriani in fuga e dei loro speciali contrabbandieri, mostra un’Europa sconosciuta. Un’Europa transnazionale, solidale e goliardica che riesce a farsi beffa delle leggi e dei controlli della Fortezza con una mascherata che ha dell’incredibile, ma che altro non è che il racconto in presa diretta di una storia realmente accaduta sulla strada da Milano a Stoccolma tra il 14 e il 18 novembre 2013.