Dichiarazione del Sindaco della Città di Marostica Marica Dalla Valle in merito all’installazione dell’artista Dodicianni di domenica 8 ottobre in Piazza degli Scacchi:

Marostica

L’installazione in Piazza degli Scacchi di domenica mattina è stata il momento conclusivo di un percorso portato avanti da tante associazioni marosticensi e non che ogni giorno lavorano in nome dei valori della pace e della tolleranza: Agesci Marostica 1, Nove1, Bassano 1, Azione Cattolica Marostica, Via Scalabrini 3, ASCS Onlus, Associazione culturale Ujamaa di Marostica, Centro di aiuto ascolto, Caritas Marostica, Libera Bassano-Marostica, Parrocchie di San Antonio e Santa Maria Marostica, Vicariato di Breganze.

Abbiamo concesso consapevolmente una piccola parte della Piazza di Marostica, come richiesto dagli organizzatori, perché l’installazione artistica rappresenta un’opportunità di riflessione su un tema attuale e tragico. Il messaggio era incontestabilmente forte e la sua efficacia era proporlo in un momento di quotidianità della vita cittadina.

Sottolineo che in Piazza erano presenti dei mediatori culturali, proprio per tradurre il significato dell’opera a chi non avesse gli strumenti per decifrarlo, come i bambini, comunque immagino sempre accompagnati da un adulto.

La grande risonanza mediatica e social che ha avuto l’iniziativa, fra l’altro non nuova, indica come la Piazza di Marostica sia un palcoscenico importante, anche per lanciare questioni forti. Se se ne parla è stato abbattuto il muro dell’indifferenza.

Personalmente ritengo che il vero scandalo siano le frasi riportate accanto ai teli, che troppo spesso sentiamo risuonare nella quotidianità, forse senza comprenderne il peso terribile, che condanna quelle esistenze ad una seconda morte.

Ringrazio per l’attenzione

Marica Dalla Valle

 

Comunicato Stampa [Clicca qui]

Galleria fotografica [Clicca qui]

Annunci

Boyhood

  • Genere: Drammatico
  • Regia: Richard Linklater
  • Interpreti: Patricia Arquette, Ellar Coltrane, Ethan Hawke, Lorelei Linklater, Tamara Jolaine, Evie Thompson
  • Origine: USA (2014)
  • Durata: 163’

Il protagonista è Mason, che insieme con la sorella Samantha, intraprenderà un viaggio emozionante e trascendente attraverso gli anni che vanno dall’infanzia all’età adulta. Sua madre e suo padre, da tempo separati, dovranno invece confrontarsi con le difficoltà dell’essere genitori in un contesto in continua evoluzione.

Colombia: dignità, sorrisi e sofferenze

Iniziando il corso ASCS Onlus nel 2006/2007 ho deciso di intraprendere un cammino che mi ha cambiato la vita, questo grazie a chi ci ha seguito ed istruito durante il corso e che mi ha motivato per fare un periodo di volontariato all’estero. Una scelta difficile nel mio caso in quanto una volta presa la decisione ed assegnata la missione, il mio fidanzato e convivente da quasi 10 anni mi ha messo davanti ad una scelta: “se parti è finita e prima di andare in missione devi lasciare questa casa”. In quel momento ho pensato una sola cosa: dov’era l’amore nella mia realtà? Carica e motivata dopo l’anno di corso, ho deciso di partire, di volare alla volta della Misión Cúcuta in Colombia, trasferendomi a casa di mia madre 2 giorni prima della partenza. Continua a leggere “Colombia: dignità, sorrisi e sofferenze”

Io non ho paura (dei draghi)

via-scalabrini-3-w5

Ciao, sono Walter e prima di girare l’Italia con una macchina da scrivere avevo paura. Molta. Avevo mollato un lavoro da insegnante (precario, sia chiaro) e la squadra di calcio di cui ero capitano. Avevo già detto a tutti: Comunque vada sarà una bella esperienza, lo ripetevo sperando di tranquillizzare soprattutto me stesso. Continua a leggere “Io non ho paura (dei draghi)”

Io sto con la sposa

  • Genere: Documentario
  • Regia: Antonio Augugliaro, Gabriele Del Grande, Khaled Soliman Al Nassiry
  • Interpreti: Tasneem Fared, Abdallah Sallam
  • Origine: Italia, Palestina (2014)
  • Durata: 98’

Un poeta palestinese siriano e un giornalista italiano incontrano a Milano cinque palestinesi e siriani sbarcati a Lampedusa in fuga dalla guerra, e decidono di aiutarli a proseguire il loro viaggio clandestino verso la Svezia. Per evitare di essere arrestati come contrabbandieri però, decidono di mettere in scena un finto matrimonio coinvolgendo un’amica palestinese che si travestirà da sposa, e una decina di amici italiani e siriani che si travestiranno da invitati. Così mascherati, attraverseranno mezza Europa, in un viaggio di quattro giorni e tremila chilometri. Un viaggio carico di emozioni che oltre a raccontare le storie e i sogni dei cinque palestinesi e siriani in fuga e dei loro speciali contrabbandieri, mostra un’Europa sconosciuta. Un’Europa transnazionale, solidale e goliardica che riesce a farsi beffa delle leggi e dei controlli della Fortezza con una mascherata che ha dell’incredibile, ma che altro non è che il racconto in presa diretta di una storia realmente accaduta sulla strada da Milano a Stoccolma tra il 14 e il 18 novembre 2013.